Bernd Lohaus

Bernd Lohaus

Nato nel 1940 a Düsseldorf, in Germania, Bernd Lohaus si forma come scultore classico prima di diventare allievo di Joseph Beuys alla Kunstakademie. Trasferitosi ad Anversa nel 1965, dirige con sua moglie Anny De Decker la galleria Wide White Space, dove espongono tra gli altri Marcel Broodthaers nel 1966 e Joseph Beuys nel 1967. Parallelamente Lohaus prosegue le sue ricerche personali e approfondisce l’interesse per i materiali naturali. L’artista lavora principalmente con il legno, la pietra e la carta: spogliata la materia di tutti gli elementi superflui, Lohaus non aggiunge niente ma si limita a rivelare, ottenendo opere semplici dal vocabolario formale e rigoroso. L’artista usa anche il linguaggio come se fosse materia. Affascinato dal significato e dal ritmo delle parole, le scrive sul legno con il gesso o le intaglia direttamente durante le sue performance: le lettere acquisiscono una presenza fisica e una dimensione spaziale che apporta alla scultura un elemento aggiunto di pensiero e di emozione.

Recenti mostre personali dedicate a Bernd Lohaus si sono tenute al Museum of Contemporary Art di Anversa (2015), alla FRAC Nord-Pas de Calais (2014), al MAC's Grand Hornu, Musée des Arts Contemporains, Hornu, belgio (2013). Alcune sue opere sono esposte a Punta della Dogana in occasione della mostra “Accrochage” (2016).