Dominique Gonzalez-Foerster

Dominique Gonzalez-Foerster nasce nel 1965 a Strasburgo, Francia. Nel 1987 si laurea presso l’École du Magasin del Centre National d’Art Contemporain di Grenoble e prosegue la sua formazione all’Institute des Hautes Études en Arts Plastiques a Parigi. Attualmente vive e lavora tra Parigi e Rio de Janeiro. Appartiene alla generazione di artisti francesi – tra cui Philippe Parreno e Pierre Huygue – che negli anni ’90 si allontana da una pratica artistica incentrata sull’oggetto per interessarsi alla costruzione di scenari e all’evocazione di atmosfere suggestive, riformulando le dinamiche su cui si basa generalmente un’esposizione. Forte di una vasta conoscenza del cinema, della letteratura e dell’architettura modernista, Gonzalez-Foerster mette il suono e la luce al centro dei suoi ambienti. La sua ricerca si concentra inoltre sulla trasformazione di spazi pubblici e privati in luoghi di aggregazione sociale, attraverso installazioni site-specific: l’artista osserva come gli spazi modificano i comportamenti, alterano la memoria collettiva e la percezione personale.

Tra le sue recenti mostre personali ricordiamo quella presso Gallery 303, New York (2014), Palacio de Cristal, Madrid (2014) e Dia Art Foundation, New York (2009). Nel 2008 occupa l’intera Turbine Hall della Tate Modern di Londra con l’installazione TH. 2058. Una versione solamente sonora di quest’ultima installazione, con il titolo Raining (2012), è stata presentata a Punta della Dogana in occasione della mostra “Prima Materia” (2013-15).