Jean-Luc Moulène

Jean-Luc Moulène nasce nel 1955 a Reims, in Francia. Studia Estetiche e scienze dell’arte a Parigi, dove attualmente vive e lavora. Si fa notare negli anni ‘90 con una serie di fotografie di oggetti, ritratti in maniera fredda e impersonale. Dalla fine degli anni ‘90 la pratica di Jean-Luc Moulène si sviluppa con nuovi mezzi espressivi, come la scultura, il disegno o l’installazione. La sua riflessione si concentra sullo statuto sociale dell’artista: critica radicalmente le rappresentazioni seducenti ed estetizzanti portando avanti una ricerca formale di segno opposto e spesso ironica. A chi gli chiede quali sono gli elementi caratterizzanti delle sue opere, l’artista risponde: "L’evidenza assurda, la rivelazione orribile, lo scoppio di risa...".

Ha partecipato alla Biennale di Venezia nel 2003, alla Biennale di Sao Paolo nel 2002, e a Documenta nel 1997. Numerose istituzioni internazionali gli hanno dedicato mostre personali, tra cui il Centre d’Art Contemporain de Genève (2003), il Musée du Louvre a Parigi (2005), il Culturgest a Lisbona (2007), il Dia:Beacon a New York (2011), la Kunstverein di Hannover (2015) e il Centre pompidou (2016).

Noeud 5.1 Varia 01 (Paris, June 2010) – Accrochage

La Toupie – Slip of the Tongue

Rotor – Slip of the Tongue

Tronche / Moon face (Paris, May 2014) – Slip of the Tongue

Tête-à-cul (Paris, Spring 2014) – Slip of the Tongue