Johan Grimonprez

Johan Grimonprez nasce nel 1962 a Roeselare, Belgio. Attualmente vive e lavora tra Bruxelles e New York. Il suo lavoro è basato sull’analisi critica del potere delle immagini, soprattutto quelle in movimento. Grimonprez indaga come queste influiscono sulla nostra capacità di leggere il mondo contemporaneo e rivela come siano alla base della costruzione delle nostre storie personali e collettive, delle nostre paure e dei nostri bisogni. Il suo lavoro condensa una riflessione critica sulla manipolazione delle immagini e dei loro significati, operata dai mass media. Grimonprez raggiunge il successo internazionale nel 1997 con DIAL H-I-S-T-O-R-Y, un film che mescola spezzoni di servizi televisivi, film di Hollywood, video d’animazione e movie commerciali, e che racconta l’episodio del dirottamento di un aereo negli anni ’70. Cruciale in quest’opera è la riflessione dell’artista su come sia stato restituito l’episodio al mondo attraverso i notiziari.

Tra le sue mostre personali ricordiamo quelle presso Musée de la Chasse et de la Nature, Parigi (2012), S.M.A.K, Gand (2011) e Institute of Contemporary Art, Boston (2011). Il suo lavoro è stato incluso nella mostra “La voce delle immagini” (2012-13) a Palazzo Grassi.