Theaster Gates

Theaster Gates

Theaster Gates nasce nel 1973 a Chicago, dove tuttora vive e lavora. La sua pratica artistica, che comprende scultura, performance, installazione e interventi urbani, è collegata un suo forte impegno sociale. Gates è attivo nella programmazione culturale e nella pianificazione urbanistica della sua comunità ed è ideatore di progetti di sviluppo nei quartieri svantaggiati di Chicago. Più che definirsi un artista, Gates assume il ruolo di attivatore di processi di cambiamento politico e sociale, in particolare con Dorchester Projects (2009). Si tratta di un’operazione immobiliare tuttora in corso, nell’ambito della quale Gates trasforma strutture abbandonate di Chicago in spazi di condivisione e di creazione artistica insieme ad artisti, ricercatori e architetti, incoraggiando i residenti della zona a essere promotori della trasformazione della comunità di cui fanno parte. Secondo Gates questa “arte immobiliare” fa parte di un virtuoso sistema ecologico circolare, in cui il progetto di riqualifica è finanziato dalla vendita delle opere d’arte, realizzate con i materiali trovati sul posto, prelevandone e rappresentandone i significati storici e iconici.

Nel 2015 Theaster Gates vince il premio Artes Mundi 6. Recenti mostre personali dell’artista sono state quelle presso il Museu Serralves, Porto (2014), MCA, Chicago (2013) e al Seattle Art Museum, Seattle (2011). Alcuni suoi lavori sono stati esposti presso Punta della Dogana in occasione della mostra “Prima Materia” (2013-15).