Zhang Huan

Zhang Huan nasce nel 1965 a Henan, in Cina. Si forma presso l’Accademia di Belle Arti di Pechino dove studia pittura. Dopo un periodo trascorso a New York, dal 2005 l'artista vive e lavora a Shanghai. All’inizio della sua carriera, negli anni ’90, il suo principale mezzo espressivo è il corpo, molto spesso nudo, che l’artista sottopone a condizioni estreme. Durante una sua celebre performance, 12M2 (1994), ricoperto di miele e olio, Huan rimane in un lurido bagno pubblico e viene dopo poco coperto da insetti. Il periodo americano è caratterizzato da performance sempre più elaborate, che l’artista struttura in modo tale da coinvolgere un gran numero di partecipanti. Con il suo ritorno in Cina, anche la pratica evolve. Da quel momento l’artista si dedica prevalentemente all’installazione, alla scultura e alla pittura. Per queste ultime in particolare, introduce l’utilizzo di un materiale inusuale a lui molto caro: la cenere degli incensi che raccoglie nei templi. Per l’artista questa ha una forte valenza simbolica che rimanda alle memorie collettive e al ciclo della vita – suggerendo la possibilità della rinascita spirituale.

Tra le recenti mostre personali dell’artista ricordiamo quelle presso Pace Gallery, New York (2015), Carriageworks, Sydney (2015) e Storm King Art Center, New York (2014). Il suo lavoro è stato incluso nella mostra ‘Il mondo vi appartiene’ (2011-12) presso Palazzo Grassi.