Piccole e grandi sculture

Negli anni ‘60 Martial Raysse realizza assemblaggi eterogenei attraverso l’appropriazione e l’accumulo di oggetti quotidiani simbolo della società dei consumi; in un secondo tempo, nel periodo detto Coco Mato, crea fantastici micro universi in scatola; nel 1980 scopre il “plasticroc”, una pasta pietrosa resistente e tenera da modellare. Le sue visioni e le sue narrazioni si condensano spesso in una galleria di personaggi che attingono a riferimenti storici e si colorano di umorismo corrosivo e ambiguità: animali fantastici, eroi di racconti e canti popolari, Charlot, demoni, folletti, fate e divinità lunari.