Bruce Nauman

Nato a Fort Wayne, Indiana, nel 1941, Bruce Nauman si laurea in matematica, fisica, musica e arti visive nel 1964 all’Università del Wisconsin, Madison e prosegue gli studi in arte all’Università della California dove si laurea nel 1966. È considerato uno dei più importanti artisti americani viventi e un catalizzatore per i recenti cambiamenti nella pratica artistica internazionale e il suo avvicinamento all’uso concettuale e performativo del linguaggio e del corpo. Dalla prima mostra monografica nel 1966 a oggi, Bruce Nauman è stato oggetto di numerose esposizioni in grandi musei. La sua prima retrospettiva è stata organizzata dal Los Angeles County Museum of Art (1972) e Whitney Museum of American Art (1973).

Tra le grandi monografiche si possono segnalare la mostra presentata alla Whitechapel Art Gallery, Londra, in collaborazione con il Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris (1986-1987) e la retrospettiva co-organizzata dal Walker Art Center e il Hirshhorn Museum, aperta al Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia, Madrid, prima di andare a Minneapolis, al Museum of Contemporary Art, Los Angeles, al Hirshhorn Museum, Washington, D.C., al Museum of Modern Art, New York, e al Kunsthaus Zurich (1993-1995). Mostre monografiche recenti includono “Raw Materials”, commissionata per il Turbine Hall della Tate Modern (2004) e “A Rose Has no Teeth: Bruce Nauman in the 1960s” al Berkeley Art Museum, Castello di Rivoli e Menil Collection (2007-2008). Nel 2015 la Fondation Cartier presenta una mostra dedicata alle sue sculture video e sonore. “Bruce Nauman: Disappearing Acts”, una retrospettiva comprensiva, è stata presentata al Schaulager, Basel (2018) e poi al Museum of Modern Art, New York e al MoMA/P.S.1 (2018-2019).

Bruce Nauman ha ricevuto il Premio della Wolf Foundation nel 1993, il Premio Wexner nel 1994, il Leone d’Oro della 48 Biennale di Venezia nel 1999 e il Praemium Imperiale nel 2004. Ha rappresentato gli Stati Uniti in occasione della Biennale di Venezia del 2009, ricevendo il Leone d’Oro per la Migliore Partecipazione Nazionale. Nel 2014 è stato premiato con il Austrian Frederick Kiesler Prize. Dalla sua prima mostra alla Sperone Westwater nel 1976, il suo lavoro è stato presentato regolarmente nella galleria (1982, 1984, 1988, 1989, 1990, 1996, 2002, 2008, 2010, 2013, 2016 e 2020).