Incroci di civiltà - Omaggio a Abbas Kiarostami

Teatrino di Palazzo Grassi
31/03/2017
H 21:00

Evento

Incroci di civiltà
Omaggio ad Abbas Kiarostami Haiku e altre inaspettate epifanie
Venerdì 31 marzo, ore 21

Il Festival Incroci di civiltà presenta una selezione degli ultimi lavori di Abbas Kiarostami, uno dei più acclamati maestri del cinema contemporaneo.

Nato a Teheran nel 1940, attivo in ambito cinematografico già dagli anni Settanta, quando lavora per il Kanun, un istituto governativo specializzato in produzioni rivolte all’infanzia, grazie al quale gode di straordinaria libertà creativa, noto al pubblico internazionale però solo a partire dagli anni Novanta – suoi sono capolavori come Dov’è la casa del mio amico?, Close Up, E la vita continua o Il sapore della ciliegia – egli è stato in realtà un artista “totale”, capace di plasmare senso con ogni materia espressiva, dalla poesia alla fotografia, dalla videoarte al teatro. In particolare negli ultimi anni prima della recente scomparsa, il suo impegno di artista si è rivolto verso la realizzazione di brevi opere audiovisive accomunate dalla volontà di cogliere del quotidiano le venature più profonde.

Per la prima volta raccolti in un unico programma di proiezioni e con diverse anteprime nazionali - tra cui un brano del suo ultimo film ancora inedito 24 Frames – questi haiku visivi verranno alternati alla lettura in italiano e in persiano di componimenti poetici altrettanto brevi e folgoranti scritti da Kiarostami sempre nel medesimo periodo. Il risultato è un susseguirsi d’immagini che rincorrono il potere delle parole e di parole che innescano la forza delle immagini nel segno della forma essenziale e della ricerca di improvvise epifanie.

Programma a cura di Marco Dalla Gassa
Poesie di Abbas Kiarostami scelte e tradotte da Riccardo Zipoli
Leggono: Reza Rashidi e Claudia Bellemo

Incontro in italiano con traduzione simultanea in inglese

Ingresso libero su prenotazione: prenota@incrocidicivilta.org