Ossessione nordica

Teatrino di Palazzo Grassi
03/12/2013
H 18:00

Evento

Martedì 3 dicembre alle ore 18 il Teatrino ospita una presentazione della mostra L’Ossessione nordica. Böcklin, Klimt, Munch e la pittura italiana che aprirà a Palazzo Roverella, a Rovigo, sabato 22 febbraio 2014.

L’arte nordica (scandinava, baltica, scozzese e tedesca più in generale) occupò nelle prime edizioni della Biennale di Venezia, che nasce nel 1895, il ruolo di protagonista, rappresentando un elemento di novità e la vera svolta verso linguaggi e sensibilità ‘moderni’ e talvolta rivoluzionari. Incise anche sull’evoluzione dell’ambiente artistico italiano tanto che Vittorio Pica, il critico italiano forse più aggiornato e internazionale dell’epoca, ebbe a dire nel 1901 come gli artisti italiani, vecchi e giovani, fossero presi da una sorta diossessione nordica.

Intervengono:
Antonio Finotti, Presidente Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo
Perché la mostra L’Ossessione nordica

Giandomenico Romanelli, Curatore della mostra
L’Ossessione nordica. Böklin, Klimt, Munch e la pittura italiana

Paolo Baratta, Presidente della Biennale di Venezia
Il ruolo della Biennale di Venezia nel panorama artistico tra fine ‘800 e inizi ‘900

Entrata libera fino a esaurimento posti.