David Hammons

Il lavoro di David Hammons è sotto il segno della sua esperienza di afroamericano, un fattore determinante nel suo ambiente socioculturale. Con l’intento di contrastare l’immagine stereotipata del corpo nero in una società dominata dai bianchi, nelle sue opere utilizza oggetti modesti, come sacchetti di carta e cibo (Bags Series, 1975) oppure palle di neve (Blizaard Ball Sale, 1983) – una caratteristica che si nota anche nel suo video di cinque minuti Phat Free, basato su una performance del 1995. Il filmato ha inizio nell’oscurità più completa, accompagnato da un tintinnio di metallo. L’azione comincia due minuti dopo, girata con uno stile rozzo e confuso: di notte, Hammons, vestito di nero, prende a calci un secchio di metallo lungo una strada. L’espressione «kicking the bucket» (calciare il secchio) in inglese significa morire e Hammons usa questa immagine per evocare la fugacità della vita. L’uso di un oggetto quotidiano, inoltre, produce un suono sconcertante nell’ambiente urbano. Nel video questo rumore diviene a poco a poco un ritmo musicale che infrange l’atmosfera severa della stanza del museo in cui viene installato.