Urs Fischer

L’opera creativa di Urs Fischer è caratterizzata dai concetti di movimento, mutevolezza e flusso, e dall’utilizzo di strategie tese a evitare che la forma o il significato a un certo punto si cristallizzino. A questo contribuiscono sia i temi sviluppati, in cui rivestono un ruolo centrale le metamorfosi, le forme ibride e i paradossi, sia le tecniche usate. Tra queste, le installazioni mobili, le sculture in equilibrio precario e le opere animate. La sua predilezione per i materiali delicati quali l’argilla o la cera gli permette, per esempio, di creare insolite sculture-candela che si trasformano, nel corso della mostra, da realistiche a informi, da definite a irregolari, e da verticali a orizzontali. Untitled è un autoritratto di cera che brucia lentamente. Rappresenta la scomparsa dell’artista, una sorta di vanitas nella sua forma più semplice. Assente la glorificazione dell’io, l’arte di Urs Fischer è un’esperienza del tempo e della memoria.